Il Blog di Reptile Nation

Il Cervone: il serpente più grande d’Italia

Il cervone è sicuramente il serpente, dopo la vipera, ad essere maggiormente associato alle leggende più disparate, e questo è dovuto principalmente alle dimensioni che è in grado di raggiungere, scatenando di conseguenza nell’immaginario collettivo un’idea di pericolosità immotivata.

E’ senza ombra di dubbio il serpente più grande d’Italia con i suoi 2.70 m di lunghezza documentati in Calabria ed un diametro veramente notevole che conferisce al cervone un aspetto massiccio e robusto.

Tuttavia anche se si stima vi siano esemplari anche più grandi in natura, le dimensioni che solitamente degli esemplari avvistati si aggira di media sui 180 cm di lunghezza.

Il lavoro di noi di Reptile Nation come sempre è quello di fare chiarezza ed evitare che informazioni sbagliate vengano diffuse contribuendo ad accrescere il timore immotivato verso questi animali.

Il serpente cervone: habitat e descrizione.

Il cervone (Elaphe quatuorlineata) è un serpente di grandi dimensioni diffuso in Italia dal centro al meridione, è distribuito in gran parte dell’Europa sudorientale fino all’Asia minore.

È caratterizzato da quattro barre longitudinali sul dorso con fondo bruno/giallastro e piccola banda nera sugli occhi che vengono attraversati orizzontalmente per tutta la lunghezza della testa, colorazione tipica della livrea dell’animale adulto, da giovane la livrea subisce un profondo cambiamento passando dalla colorazione dei piccoli nati grigio/argento con macchie nere sparse sul dorso.

E’ un animale del tutto innocuo, in caso di incontro con l’uomo si limita ad un forte sibilo se spaventato, resta comunque considerato uno dei rettili più mansueti presenti sul territorio.

Nonostante sia il serpente più grande d’Italia il serpente cervone mostra ottime doti arboricole prediligendo nella sua dieta nidiacei e piccoli volatili oltre a roditori e piccoli lucertole (sebbene a volte è in grado di predare animali di notevoli dimensioni come conigli e donnole). Ama le zone molte calde rispetto ad altri serpenti nostrani, caratterizzate da muretti a secco, limitare di boschi e grandi prati con radure sparse.

E’ una specie ovipara e depone le uova dopo circa 40 giorni finito il periodo degli accoppiamenti (che avviene a giugno solitamente), dalle quali verranno alla luce verso fine agosto/settembre dalle 5 alle 18 uova.

I piccoli saranno completamente autosufficienti ed abbandoneranno immediatamente la tana in cerca di prede prima della bruma imminente, che li vedrà fermarsi per la stagione invernale da ottobre fino a marzo/ aprile.

Nonostante studi di pochi anni fa attestino che per il cervone non sussista un pericolo concreto di estinzione, il numero di esemplari di elaphe quatuorlineata avvistati nell’ultimo decennio sembra dimostrare il contrario, come sempre il cambiamento è sempre da attribuire all’uomo che riducendo al minimo l’habitat costringono il serpente cervone ad esporsi sempre più ed essere soggetto spesso di mattanze dovute a ignoranza e paura!!

serpente cervone

Pasturavacche

Leggende sui serpenti ne abbiamo a decine, ma il cervone associato al nome pasturavacche è senza dubbio la più conosciuta!!

La leggenda vuole che il serpente più grande d’Italia si attacchi alle mammelle delle vacche e succhi loro il latte, ovviamente è una cosa del tutto falsa e a livello scientifico anche del tutto immotivata perché i serpenti NON amano il latte e è loro anche dannoso MA, è così insidiata nelle menti della gente da generazioni ormai, che estirpare questa diceria risulta quasi impossibile.

Proviamo a dare una semplice quanto verosimilmente razionale spiegazione: l’elaphe quatuorlineata come abbiamo detto è un serpente che ama i prati esposti al sole, i pascoli non fanno eccezione quindi, e qui la semplice soluzione, il rettile esposto al sole può essere stato calpestato involontariamente dal bovino, e d’istinto essersi girato ed aver morso proprio quel punto, fortuna ha voluto che ci fosse il pastore ad osservare la scena che come sappiamo a distanza di anni è diventata un vero e proprio mito!!

                                                                                                             

Quello che avete visto nel video è forse uno degli avvistamenti fatti da noi di Reptile Nation, avete appena visto il cervone nel pieno della sua ontogenesi con una livrea che mostra entrambe le colorazione dell’animale in forma giovanile e adulta.

Un magnifico animale da proteggere e  preservare!!

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button